Notizie

"Come si effettua un’immersione?" A spiegarlo ai ragazzi accolti nelle Case Famiglia sostenute dalla Fondazione, i palombari della Marina Militare.

Seguiti dai Palombari più esperti della Marina Militare, i giovani hanno preso parte a una breve lezione sui principi e le regole basilari di come si effettua un’immersione.

Lo scorso 4 maggio, 22 bambini e ragazzi accolti presso il Centro San Colombano –Centro di prima accoglienza richiedenti asilo e presso Case Famiglia facenti parti delle reti liguri Agevolando e Progetto Famiglia, hanno vissuto un’esperienza incredibile grazie agli amici della Marina Militare, effettuando nella piscina A. Mori del Comando Marittimo del Nord della Spezia la loro prima immersione in assoluto!

 

Accompagnati sott'acqua dagli istruttori del Gruppo Scuole del Raggruppamento Subacquei ed Incursori “Teseo Tesei”, i Palombari più esperti della Marina Militare, i ragazzi hanno prima preso parte una breve lezione sui principi e le regole basilari di come si effettua un’immersione e poi, indossata la muta e l’autorespiratore ad aria, si sono calati in acqua iniziando a respirare in un mondo.

 

Questa giornata rientra nell'ambito delle attività organizzate dalla Fondazione Francesca Rava con Case Famiglia italiane, che permettono di ricreare una tipica situazione familiare, di esprimere la propria creatività e di liberare le proprie emozioni.

È stato meraviglioso vedere i nostri ragazzi accolti con gioia e professionalità dagli operatori di Comsubin, durante questa prima giornata di un’importante progetto che vedrà la Marina Militare impegnata a regalare qualche giorno di vacanza e serenità a molti ragazzi delle case famiglia supportate dalla Fondazione”. Sono queste le parole della dott.ssa Emma Bajardi Project manager della Fondazione Francesca Rava.

 

Benché nessuno dei neo “palombaretti” avesse mai fatto un’esperienza simile, grazie alla fiducia venutasi a creare con gli istruttori del Gruppo Scuole, si sono poi immersi tutti!

 

E’ bello scoprire quanto bene faccia, principalmente a noi, poter dedicare un po’ del nostro tempo e della nostra professionalità agli altri. Grazie ai volontari della Fondazione Rava ed alla disponibilità dello Stato Maggiore della Marina, abbiamo potuto organizzare questo momento durante il quale molti ragazzi, provenienti da Milano e da Savona, sono statio accompagnati alla loro prima immersione. E’ stato entusiasmante vedere come il timore iniziale che trapelava dai loro occhi, si trasformava in gioia e consapevolezza delle loro capacità” ha detto il Comandante di Comsubin, ammiraglio di divisione Paolo Pezzutti, al termine delle attività subacquee.

 

A fine giornata, nella base del Varignano, i ragazzi e gli accompagnatori delle case famiglia hanno visitato la sala storica del Gruppo Operativo Incursori.

 

Prossimo appuntamento a luglio, quando, proprio con gli incursori, effettueranno una giornata di orienteering nell’entroterra della provincia della Spezia.

 

La collaborazione tra la Fondazione Francesca Rava e la Marina Militare Italiana è nata nel 2010 in occasione della tragedia del terremoto di Haiti, quando la Portaerei Cavour, che attraversò l’oceano in aiuto alla popolazione colpita, fece base all’Ospedale pediatrico NPH Saint Damien, centro dei soccorsi internazionali. Dai giorni di duro lavoro insieme per salvare tante vite in Haiti è nato un rapporto di stima e collaborazione concreta con lavoro di team e spirito di servizio, valori comuni alla Marina e alla Fondazione.

Recentemente la Marina Militare è stata al fianco della Fondazione Francesca Rava anche in un’altra emergenza italiana, il terremoto in Centro Italia, con il sostegno alla ricostruzione della scuola elementare di Norcia (PG) per 225 bambini, inaugurata il 31 marzo 2017 e di Pieve Torina (MC), inaugurata l’11 dicembre 2018.

 

Ph. Marina Militare.

 

Canale Notizie - 20-05-2019 - Segnala a un amico


© 2000-2011 Fondazione Francesca Rava - NPH Italia Onlus
Informativa sulla privacy