Notizie

Lampedusa, i nostri volontari sulla San Marco contribuiscono a soccorrere oltre 400 migranti, tra i quali 6 donne incinte e molti bambini

 

Notizie dai volontari della Fondazione Francesca Rava, imbarcatisi a fine ottobre sulla Nave San Marco della Marina Militare Italiana impegnata nell'operazione Mare Nostrum:

 

"Questa notte abbiamo avvistato tre barconi e soccorso 414 migranti; tra loro bambini, neonati e sei donne incinte, di cui tre problematiche.

Abbiamo distribuito cibo, bevande, abiti, calzature, medicine  e generi di conforto. Abbiamo stabilizzato una frattura  al polso di un migrante, isolato un caso di varicella, siamo intervenuti per i casi di scabbia, di ipotermia e disidratazione lavorando senza sosta per ore al fianco del personale sanitario della Marina".

 

Il team, composto da Federico, ginecologo, Gloria, infermiera di pronto soccorso, Alessandra, anestesista e Giorgio mediatore culturale, è salito a bordo oltre che con le necessarie strumentazioni mediche, anche con un ecografo e un cardiotocografo (per il controllo del battito prenatale), strumento che si è rivelato molto importante.

La volontaria Alessandra durante le operazioni di soccorso dei tanti migranti, molti dei quali bambini

 

Grazie agli oltre 60 volontari, molti dei quali già intervenuti in prima linea per l'emergenza terremoto e colera in Haiti, che hanno risposto all’appello della Fondazione Francesca Rava, vari teams si avvicenderanno a bordo della San Marco; la prossima squadra di volontari si imbarcherà il 7 novembre.

 

La Fondazione Francesca Rava ringrazia Wind per aver immediatamente risposto alla sua richiesta di aiuto a sostegno di questa missione.

 

AIUTACI!

Per informazioni e per donare:

Fondazione Francesca Rava — N.P.H. Italia Onlus,

tel 0254122917, www.nph-italia.org,

c/c bancario IT 39 G 03062 34210 000000760000 –

con carta di credito

causale: emergenza Lampedusa

 

Canale Notizie - 04-11-2013 - Segnala a un amico


© 2000-2011 Fondazione Francesca Rava - NPH Italia Onlus
Informativa sulla privacy