Notizie

EMERGENZA LAMPEDUSA: La Fondazione Francesca Rava in prima linea con i suoi volontari nel soccorso ai profughi a fianco della Marina Militare Italiana nella Missione Mare Nostrum

 

La Fondazione Francesca Rava – NPH Italia Onlus aiuta l’infanzia in condizioni di disagio in Italia e nel mondo. Dopo l’intervento nelle recenti emergenze terremoto in Haiti e in Emilia, a fronte della terribile tragedia che si sta consumando nei nostri mari, ha deciso di intervenire anche nella difficile situazione di Lampedusa organizzando team di volontari per l’assistenza sanitaria dei profughi, sempre più donne e bambini, molti minori non accompagnati. Team di pediatri, ginecologhi, mediatori culturali volontari si alterneranno nelle prossime settimane a bordo delle Navi che stanno pattugliando il Mediterraneo nell’operazione Mare Nostrum.

 

Il primo team di volontari imbarcatosi il 27 di ottobre è composto da un ginecologo, una dottoressa anestesista e rianimatrice, un’infermiera di pronto soccorso, un mediatore culturale soccorritore certificato che parla arabo. Fino a gennaio teams di analoga composizione si avvicenderanno, grazie agli oltre 60 volontari che hanno risposto all’appello della Fondazione Francesca Rava rivolto ai medici e infermieri già intervenuti in Haiti presso le strutture NPH nell’emergenza terremoto, nel post terremoto e nella successiva epidemia di colera.

Le centinaia di vittime a pochi chilometri dalle nostre coste, i racconti dei sopravvissuti che ci parlano di donne con le braccia in alto che cercano di tenere a galla i loro bambini, per poi essere inghiottite nel buio del mare, ci hanno spinto a scendere in prima linea in uno dei momenti più delicati di questa emergenza, in modo concreto e immediato con l’invio di personale sanitario per il primo soccorso grazie all’ospitalità e collaborazione della Marina Militare. E’ stato bellissimo verificare anche la risposta immediata di volontari da tutta Italia” dichiara Mariavittoria Rava, Presidente della Fondazione Francesca Rava – NPH Italia Onlus.

 

Il team dei volontari della Fondazione Francesca Rava a Lampedusa è salito a bordo oltre con le necessarie strumentazioni mediche, anche con un cardiotocografo (per il controllo del battito prenatale in caso di donne incinte) e un ecografo. La Fondazione Francesca Rava lancia un appello a tutti per il sostegno di questa operazione umanitaria e ringrazia Wind per aver immediatamente risposto alla sua richiesta di aiuto.

La collaborazione tra la Fondazione Francesca Rava e la Marina Militare Italiana è nata nel 2010 in occasione della tragedia del terremoto di Haiti, quando la Portaerei Cavour, che attraversò l’oceano in aiuto alla popolazione colpita, scelse come base l’Ospedale pediatrico NPH Saint Damien, centro dei soccorsi internazionali. Dai giorni di duro lavoro insieme per salvare tante vite in Haiti è nato un rapporto di stima e collaborazione concreta con lavoro di team e spirito di servizio, valori comuni alla Marina e alla Fondazione.

 

 

LEGGI L'ARTICOLO PUBBLICATO SU GENTE ( NOVEMBRE 2013)

 

Per informazioni e per donare:

 

Fondazione Francesca Rava — N.P.H. Italia Onlus,

tel 0254122917, www.nph-italia.org,

 

c/c bancario IT 39 G 03062 34210 000000760000 – con carta di credito sul sito www.nph-italia.org

 

causale: emergenza Lampedusa

Canale Notizie - 31-10-2013 - Segnala a un amico


© 2000-2011 Fondazione Francesca Rava - NPH Italia Onlus
Informativa sulla privacy