Notizie

La storia di Bobbi, 2 anni, gravemente malnutrito e salvato all'Ospedale NPH St. Damien in Haiti

 

La malnutrizione è una delle maggiori cause di mortalità infantile ad Haiti ed è una delle maggiori sfide per lo sviluppo del Paese.

L'inadeguata alimentazione per i neonati e i bambini piccoli è una delle cause principali di questa condizione. A questo si sommano anche le malattie infettive, la mancanza di cure e lo scarso accesso all'acqua potabile, ai servizi sanitari e igienico-sanitari. Tutto dovuto alla povertà estrema di questo Paese.

 

Secondo un rapporto del 2017 del Demographic and Health Surveys condotto attraverso l'USAID, la popolazione di Haiti era di 10,8 milioni, di cui 1,2 milioni sotto i 5 anni. I dati nutrizionali nel rapporto, hanno rilevato che il 22% della popolazione infantile soffriva di arresto della crescita, il 10% era sottopeso e il 66% soffriva di anemia, una condizione causata da carenze di ferro e vitamine.

 

Dal 2017 la popolazione haitiana è salita a quasi 11,2 milioni con pochi dati sullo stato di salute dei bambini. Ma con i disordini civili, le crisi politiche e il COVID-19 che continuano a soffocare lo sviluppo del Paese, è improbabile che i dilemmi causati dalla malnutrizione siano migliorati.

I bisogni del reparto di malnutrizione presso l'ospedale pediatrico NPH St. Damien non sono mai stata così vitali per i bambini di Haiti.

 

PER DONARE, clicca QUI

Uno di questi bambini è il piccolo Bobbi*, che ha recentemente festeggiato il suo secondo compleanno. Il dottor Marc Alexandre Dervil, il medico responsabile dell'Unità di malnutrizione a St. Damien, dice che è molto fortunato ad essere vivo. “Abbiamo uno staff professionale e facciamo del nostro meglio per curare i bambini che vengono da noi. Ma la malnutrizione è una delle principali cause di mortalità infantile ad Haiti. Siamo contenti che Bobbi sia ancora con noi".

 

La madre di Bobbi si chiama Carmite*. Ha 42 anni, tre figli e gestisce una bancarella al mercato ortofrutticolo sui marciapiedi di Martissant, un quartiere alla periferia di Port-au-Prince, dove vive. Racconta che la zona un tempo era un paradiso ma ora è stata occupata da bande ed è conosciuta come un'area "vietata" in tutta la capitale haitiana.

"In una buona giornata, guadagno circa 15 dollari ma è raro, soprattutto con i problemi che affliggono l'area".

I problemi finanziari di Carmite si sono aggravati quando l'attività di suo marito è fallita. Nonostante i suoi migliori sforzi per trovare un lavoro stabile, è difficile. A volte ha dovuto prendere in prestito denaro dalla famiglia e dagli amici per mettere il cibo in tavola, il che la fa vergognare poiché sa che farà fatica a ripagarli.

 

Vivendo in un'area in cui la povertà è dilagante, con una popolazione di 293.041 abitanti, che rappresenta quasi un quarto della popolazione complessiva della capitale, le condizioni di vita sono difficili, soprattutto dovendo evitare le azioni ritorsive delle bande su base giornaliera. I disordini impediscono a Carmite di avere una posizione fissa per vendere i suoi prodotti.

 

A volte si rifugia da parenti e amici perché non può pagare l’affitto della sua casa che è di circa 158 dollari l’anno. Con grande emozione confessa che nei momenti di estrema difficoltà, la sua famiglia a volte sopporta la fame per diversi giorni e il dolore di vedere i suoi figli piangere costantemente la prosciuga e la lascia incapace di vendere le sue verdure, il che significa che si deteriorano e diventano invendibili.

"Faccio del mio meglio per nutrire i miei tre figli e dare loro tutto ciò che posso, in modo che possano vivere una vita sana ma è difficile", afferma Carmite.

 

Cinque mesi fa, nel bel mezzo della pandemia di COVID-19, Carmite ha iniziato a notare un declino nello stato di salute di suo figlio Bobbi. All'epoca aveva 20 mesi, le sue caviglie iniziarono a gonfiarsi e gli venne la tosse. La zia pensava fossero vermi intestinali e ha dato a Bobbi delle tisane; ma la sua salute continuava a peggiorare, piangeva in modo incontrollabile a causa dei dolori addominali. La malnutrizione indebolisce il sistema immunitario e provoca altre malattie, come infezioni della pelle e dei polmoni, tra cui la tubercolosi e la gastroenterite.

 

Presa dal panico, Carmite portò Bobbi da un medico del quartiere, che notò che era gravemente sottopeso e lo indirizzò alla clinica delle Sorelle della Carità. Una volta lì, i medici gli diagnosticarono un edema generalizzato, piaghe ulcerose e una sindrome da tosse, e lo indirizzarono rapidamente all’ospedale St Damien.

 

"Aveva 22 mesi e pesava 10 chilogrammi quando è venuto da noi, era estremamente sottopeso" racconta l'infermiera Wilenda Joseph, una delle quattro infermiere del reparto. All'arrivo, gli è stato somministrato rapidamente un trattamento di stabilizzazione nutrizionale, con una crema di arachidi e latte terapeutico (F-100 e F-75). Sotto l'occhio vigile dei nutrizionisti, le sue condizioni hanno cominciato a migliorare nell'arco di due settimane.

Vederlo in quelle condizioni è stato straziante. I medici e le infermiere erano molto professionali e si prendevano cura di lui. Hanno fatto molte domande difficili, alle quali mi sono vergognata di rispondere ma sapevo che era a beneficio di Bobbi", dice Carmite.

 

La malnutrizione è una condizione percepita molto male ad Haiti, crea molto imbarazzo nei genitori i cui figli ne soffrono. Le cause sono solitamente legate alla mancanza di mezzi e di educazione alimentare.

I genitori spesso non dicono ai medici tutta la verità  su quanto e quanto spesso danno da mangiare ai loro figli per vergogna o perché sentono di fornire una dieta sufficiente.

Carmite è un caso raro; ha raccontato allo staff medico che era stata in grado di dare da mangiare ai suoi figli solo pane e riso, quando non c'erano abbastanza soldi.

Le infermiere le hanno detto che era miracoloso che anche i suoi due figli più grandi non mostrassero segni di malnutrizione.

 

Il dottor Marc Alexandre Dervil racconta che l'Unità per la malnutrizione del St. Damien ha tre step: il programma terapeutico ambulatoriale, la nutrizione aggiuntiva e la stabilizzazione nutrizionale.

Nella maggior parte dei casi, possono curare i bambini anche se, spesso, a causa della mancanza di comprensione della malnutrizione, i genitori portano i loro figli in condizioni molto precarie, rendendo difficile un recupero completo.

 

Solo nel 2019 hanno accolto 402 bambini: una media di otto bambini a settimana e 34 al mese. Il tasso di mortalità variava dal 3,03% al 22,85% in diversi periodi dell'anno.

L'unità dispone di 12 posti letto che i bambini occupano per un periodo che va dalle 2 settimane ad un mese. Una volta dimesso il bambino, seguono visite di controllo e appuntamenti terapeutici per monitorare il suo stato di salute. Purtroppo, a volte i bambini trattati per malnutrizione ritornano con la stessa condizione o addirittura in condizioni peggiori, perché i genitori non tornano alle sessioni di follow-up.

 

“Facciamo del nostro meglio per educare e informare, e nella maggior parte dei casi i genitori ascoltano e i loro figli migliorano. Tuttavia, ci sono una serie di ragioni per cui i genitori non possono nutrire i bambini in modo appropriato, come la disoccupazione, avere molti bambini da accudire in casa,il basso reddito, gravidanze precoci, famigllie con un solo genitore, ecc." racconta il dott. Marc.

"Siamo molto fiduciosi e facciamo del nostro meglio con le risorse che abbiamo in loco per curare questi pazienti malnutriti e speriamo che con sforzi sostenuti i bambini guariscano e tornino a casa sani", aggiunge.

 

Sebbene la situazione economica di Carmite non sia ancora migliorata, è sollevata nel vedere Bobbi sorridere e giocare con i suoi fratelli.

 

"Non avrei mai avuto abbastanza soldi per pagare le cure di mio figlio. Grazie di cuore al St. Damien Hospital,  ai medici e alle infermiere che lo hanno salvato. Ora è in buona salute", conclude Carmite.

*Il nomi del bambino e di sua mamma sono stati cambiati per proteggere la privacy

 

 

Canale Notizie - 10-06-2021 - Segnala a un amico


© 2000-2011 Fondazione Francesca Rava - NPH Italia Onlus
Informativa sulla privacy