Notizie

La storia di Sébastien, 11 anni, accolto nella Stanza dei Pesci all'Ospedale pediatrico NPH St. Damien in Haiti

 

L'ospedale pediatrico NPH St. Damien svolge un ruolo fondamentale in Haiti per i bambini abbandonati e con bisogni speciali. Fornisce trattamento, amore e cure, oltre ad una casa sicura, la Fish Room.

Per il piccolo Sébastien è l’unica possibilità di sopravvivenza.

 

Un venerdì di settembre del 2014 avrebbe dovuto essere un giorno normale per Sébastien, 4 anni. Sua madre lo portò all'ospedale pediatrico St. Damien per un controllo di routine. Al suo arrivo, però, i medici notarono subito che soffriva di grave diarrea e vomito e lo indirizzarono ad un centro di reidratazione.

 

La madre lo aveva portato in ospedale in taxi, un viaggio che le era costato quattro volte il salario minimo, all'epoca circa 500 gourde haitiane (11 dollari al mese). L'ospedale sapeva molto poco di Sébastien: era nato nel febbraio 2010; il nome di sua madre era Laurette e vendeva dolciumi non lontano da casa sua, una casa fatta di cartone e pezzi di stoffa; viveva con un uomo di nome Junior e la famiglia proveniva da Simon Pelé nel quartiere di Cité Soleil a Port-au-Prince, a più di un'ora dall'ospedale St. Damien di Tabarre. Simon Pelé ha una popolazione di 30.000 abitanti, molti dei quali sono disoccupati e vivono tormentati dalla guerra tra bande, con scarso accesso, a volte nullo, ad acqua potabile o elettricità; i suoi residenti non hanno i mezzi per lavorare e quindi la possibilità di mangiare in modo sano. Per gran parte della popolazione di Haiti, questa è un'area vietata.

 

Dopo cinque giorni trascorsi nel centro di reidratazione, le condizioni di Sébastien non  migliorarono e i medici decisero di ricoverarlo in ospedale. Il quinto giorno la madre del piccolo disse alle infermiere che doveva andare a comprare del cibo; non fece mai più ritorno.

Secondo il capo del dipartimento dei servizi sociali del St. Damien Hospital, Herby Estime, l'ospedale non può fidarsi delle informazioni fornite dai genitori che abbandonano i loro figli. “Quello che raccontano è quasi sempre falso, sia che si tratti di nomi, dell'indirizzo o del numero di telefono. Nel caso di Sébastien, la madre aveva detto che viveva a Simon Pelé a Cité Soleil ma senza un indirizzo fisso. La popolazione stimata di Cité Soleil è di 400.000 persone, quindi fu quasi impossibile trovarla".

 

Tuttavia, sebbene non riuscissero a trovare sua madre, i medici continuarono a curare il piccolo Sébastien e trovarono ulteriori patologie oltre alla gastroenterite: danni neurologici, malformazioni congenite, convulsioni, microcefalia, piede torto, malformazioni agli arti superiori e sviluppo psicomotorio ritardato.

Da quando entrò la prima volta al St. Damien, sei anni fa, Sébastien è stato curato in diverse unità in tutto l'ospedale, tra cui malnutrizione e terapia intensiva, e attualmente è in cura nell'unità di malattie infettive a causa di un edema nutrizionale.

Ma, quasi tutti i giorni in questi anni, Sébastien ha vissuto nella Fish Room, insieme ad altri bambini con bisogni speciali abbandonati.

La Fish Room, la stanza dei pesci, accoglie bambini dai 5 ai 13 anni abbandonati e con disabilità. I 12 lettini presenti sono praticamente  sempre pieni. Attualmente, altri sei bambini abbandonati sono curati in altri reparti del St Damien perché la Fish Room è al completo.

Prima che Herby entrasse nel team dei servizi sociali dell'ospedale, nel 2018, un bambino poteva rimanere nella Fish Room da 5 a 10 anni. Ma oggi l'ospedale si impegna a ridurre questa durata a cinque mesi, collaborando più strettamente con l'Institut du Bien-Etre Social, l'agenzia statale responsabile della gestione di questi bambini, per permettere attraverso dei processi legali che possano essere trasferiti in una casa più stabile. 

Un processo complicato. Ad oggi, l'ospedale è a conoscenza di appena altre cinque istituzioni in tutta Haiti in grado di accogliere bambini con disabilità. Alcuni fortunati vengono adottati. A volte, NPH Haiti può intervenire e alcuni bambini vengono accolti nel programma Padre Wasson Angels of Light (FWAL).

 

Ci sono molte ragioni per cui ad Haiti i genitori  abbandonano i propri figli. Le madri spesso lo fanno per amore e speranza, determinate a dare ai loro figli un futuro migliore e più sicuro in una casa. Fanno grandi sforzi per scegliere un'organizzazione che abbia una solida reputazione per la cura dei bambini con bisogni speciali, come NPH Haiti.

Anche lo stigma sociale ha un ruolo; credenze culturali e religiose possono promuovere la discriminazione. Molti genitori abbandonano o nascondono i propri figli per timore di rappresaglie da parte della comunità. Questi genitori non dispongono dell'istruzione, del sostegno comunitario e delle risorse finanziarie per far fronte ai bisogni dei loro figli.

Nonostante ciò, secondo un rapporto dell'USAID, l'Organizzazione mondiale della sanità OMS stima che il 15% degli haitiani conviva con una disabilità.

 

Solo nel 2020, da gennaio a novembre, il St Damien ha accolto 6 bambini abbandonati. Il tasso di abbandono varia di anno in anno, anche in base agli accadimenti politici ed economici. Per il St. Damien curare un bambino accolto nella Stanza dei pesci è un impegno molto oneroso: i trattamenti medici costano circa 1800 dollari al mese, le loro medicine circa 60. A bambino.

Questi bambini sono assistiti da infermiere professioniste che sanno dare loro da mangiare, giocare, si prendono cura della loro igiene personale. C'è anche un fisioterapista di nome Roselore che fornisce regolarmente le giuste terapie per la loro ridotta mobilità.

ll dottor Marc Dervil, il pediatra responsabile della Fish Room, conferma che quello di Sébastien è un caso speciale.

Le sue cure sono molto costose. Ha bisogno di farmaci come il fenobarbital, che costa circa $ 8 a bottiglia, e l'albumina, che costa $ 222 per flaconcino ed è difficile da reperire ad Haiti. Nonostante i migliori sforzi del team medico, nei sei anni in cui Sébastien è stato con noi non ha fatto alcun progresso, né clinicamente né fisicamente, con le sue deformità. Non condurrà mai una vita normale e richiederà sempre molta attenzione. Viene nutrito con porridge, succo di frutta e latte attraverso un tubo. Non parla né si muove; respira semplicemente ", spiega il dottor Dervil.

 

Tuttavia, Sébastien sa donarti il sorriso più grande quando riconosce la tua voce e il tuo viso. Lo consideriamo un eroe; ha carattere. Nonostante sia stanco, ha ancora la forza per vivere. Faremo tutto il possibile per accompagnarlo durante la sua permanenza sulla terra ”, conclude.

 

* I nomi dei bambini sono stati modificati per proteggere la loro privacy.

 

L'ospedale St. Damien è l'ultima risorsa per questi bambini abbandonati. Sono fragili e richiedono cure intensive e professionali per tutte le loro esigenze. Aiutaci, dona ora , clicca qui

 

 

Canale Notizie - 13-01-2021 - Segnala a un amico


© 2000-2011 Fondazione Francesca Rava - NPH Italia Onlus
Informativa sulla privacy